Il Gruppo Padano di Piadena

TI TROVI IN:HOME PAGE > BIBLIOTECA POPOLARE > LE CANZONI CREATE: > LA NOT I

- HOME PAGE
- BIBLIOTECA POPOLARE DI PIADENA
- QUADERNI DI PIADENA
- COOPERAZIONE
- CANTI POPOLARI RACCOLTI
- CANTI CREATI
- EMIGRANTI
- ALBUM FOTOGRAFICO
- IL GRUPPO PADANO OGGI

 


E-MAIL

TESTO - TRADUZIONE - SPARTITO - AUDIO

La not

Nella foto:
Gaetano Ferrari (detto Tano Baraca)
autore del testo

 

Quant el sul el tramunta
e la stela de la not
la va in ciel
in cumpagnia de la luna
ven so la not
La not l'è n'alter de
l'è na roba meravigliusa
la tèra la se mof
n'altra volta
de not.
De not se senti cantà,
dal gril canterin
a la furbeseta
a la sivètae al lucot
n'usel bianc
che d'el dé el sta scundit
ma de n ot el vula in del ciel
e quant el passa el fa bu bu bu bu bu bu,
el canta cusè.

La not l'è el me dè
e la me pias.
Forse go gnamò capit el perchè
forse perchè voi sta da per me
e scanzà la zent
perchè sultant là ghè i me amic.
Apena meti el ciar per tera
par ch ela tera la se desèda
tuta in den culp,
ghè n'infinità de bestiulini
che li se mof sultant d enot.
E me li vardi, li sculti e ghe parli.


TRADUZIONE:

LA NOTTE

Quando il sole tramonta/ e la stella della notte: va in cielo in compagnia della luna / viene gù la notte. / La notte è un altro giorno / è una cosa meravigliosa / la terra si muove / un'altra volta / di notte. / Di notte si sente cantare, / dal grillo canterino / alla forbicina / alla civetta / e al "lucot" / un uccello bianco / che di giorno sta nascosto / ma di notte vola nel cielo / e quando passa fa bu bu bu bu bu bu / canta così. /

La notte è il mio giorno / e mi piace. / Forse non ho ancora capito perchè / forse perchè voglio stare da solo / ed evitare la gente / perchè soltanto la ci sono i miei amici. / Appena metto la lampada in terra / pare che la terra si svegli all'improvviso: / c'è un'infinità di bestiolne / che si muovono solo di notte. / E io le guardo, le ascolto e gli parlo.

Nota: il testo è tratto dal giornalino "Il mondo" n. 187 della classe V di Vho di Piadena ed è parte di un'intervista a Tano Baraca (Gaetano Ferrari).
La canzone, musicata da SErgio Lodi, è stata cantata per la prima volta dal Gruppo Padano a Drizzona il 25.11.77.
La canzone è inserita nello spettacolo "Domani l'è festa" del Gruppo Padano.